6.10.13

scontro involontario

Lo dico sempre che sono brava,
che valgo moooolto di più di 1100 euro al mese.
Lo dico sempre che, se volessi e soprattutgto se ne avessi il coraggio,
potrei fare la consulente aziendale,
la consulenze personale,
perchè so un sacco di cose in un sacco di campi dell'economia.

però, lo sai meglio di me, che tra il dire il fare,
tra il fare qui ed ora ed il progettare, pianificare,
alzare la testa...c'e' di mezzo il mare.

E a me è sempre mancata questa qualità.
Non che non ce la abbia, anzi... ma non credodi avere la capacità di attuarla.

Ho sempre avuto paura di essere l'imprenditrice di me stessa.
Qualsiasi cretino mette su una impresa, io no.

Sto cambiando.
Il fatto stesso che sono socura che riuscirò ad esercitare la professione di psicologa,
ne è la prova. Vedo le porte aprirsi dinanzi a me e
piano piano faccio un passetto in avanti ogni giorno...

ieri sera, eravamo in due, a combattere con i nostri demoni.

Io con la scusa di farlo per lei, lei con la scusa che io glielo facevo vedere,
ci siamo messe lì ad affrontare le nostre paure.

Io ero terrorizzata dal fermarmi, terrorizzata
dal vedere svanire in un attimo la scia del genio che mi stava pervadendo.
Ero in piena fase creativa, senza ordine, mi uscivano idee su idee,
e lei dapprima era contenta, poi ad un certo punto
non mi ha seguito più.

Era come se stessi costruendo un puzzle e fossi ancora agli angoli
eppure lei si è sentita già "dal corniciaio"...

Io ho continuato, pur di non fermarmi
e lei si è sentita sempre più minacciata
finchè ha dovuto aggredirmi
(verbalmente ovvio)
per fermarmi.

Non mi ero accorta di lei e poi stavo ancora cercando gli angoli.
Non vedevo minacce per nessuno in quel momento.

Invece lei sì.

E' andata via di corsa, come se casa mia scottasse,
come se io fossi il demonio.
O il suo demone impersonificato.

Io sono rimasta basita, annichilita, impotente, non sentivo nulla dentro.
S mi ha detto che certe volte, quando vengo mincacciata,
ho questa reazione...freezeng... ieri sera ero così: congelata.

Di fronte alle ingiurie ed alla aggressione di lei
non mi sentivo offesa, ma confusa,
perchè non capivo dove fosse
il suo problema.
vedevo solo il mio ...ovvio...
ma lei non faceva che accusarmi di non essere lì per lei, ma per me,
ma non mi diceva cosa voleva, era diventata impenetrabile.

Era vero. Io ero così intenta nel dimostrare al mio di demone
che invece sono "capace", che mi ero dimenticata di lei...

anche se, in effetti, ero ancora ferma agòli angoli...anche se
si sa
trovati gli angoli
il puzzle è pressochè fatto!

Stamattina ero ancora stranita, lo sono ancora.
Tra me e lei tutto ok. Lei elaborerà, io
oggi ho preso tutti i libri di marketing che ho a casa
e cerco di capire come so le cose che so
e cerco di strutturarle.

La cosa interessante è che tutto quello che sto facendo per lei
poi
dovrò farlo per me, quando sarò psicologa...

Devo solo decidere se Psicologa dello sport, psicologa per l'orientamento,
psicologa clinica, psicolga per i disturbi del comportamento incontrollato,
psicologa per la bulimia bnervosa, psicologa ... uff...

quindi adesso devo recuperare il file che ho fatto a lei tempo fa,
unirlo con quello di ieri, e procedere ad un vero e proprio
Business plan...

Però sono convinta di due cose:
che la paura è un pensiero e che, come tale, si può modificare
e che non esistono problemi, ma solo soluzioni.

Saranno frasi fatte, ma 20 anni di lavoro sulle spalle
cominciano ad avere il loro peso...

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page