16.7.09

"Ad un amico"

Uno di voi.
Un amico.
Un lettore.
E' preoccupato per me.

Gli ho appena risposto...

Caro Wishywh,
non pensare a me... a roma si dice "e chi t'ammazza"...
e per ora a me non m'ha ammazzato ancora nessuno e niente...
mi sento un po' come l'erba cattiva... sopravvivo...
mi strappano, mi trattano male, mi riduco io stessa ai minimi termini, sempre preda del "magari" benevolo giudizio altrui...sempre in preda al giudizio degli atri... ma alla fine io ci sono...
sento che la ... anche la mia vita non ha senso... e lo sto cercando...
ma per ora va bene così...
sono proprio stanca.
il mio corpo è stanco.
sono stanca di parlare.
verrà il mio momento...

c'e' di brutto che a lavoro ho risultati pressochè nulli,
anche se il passaparola che generano i miei studenti già iscritti è notevole...
per fortuna è un lavoro di squadra... e in questo sto dando il massimo,. speriamo bene...

il capitolo uomini mi stupisce sempre... finalmente a 40 anni ho imparato
a capire che se un uomo mi vede, mi si farebbe subito.
ma se non mi vede, non mi pensa proprio..
:DDDDDD
e quindi, siccome io invece voglio restare in un uomo, per ora, sto.
come a settemmezzo.
:))))

...

L'unica cosa vera è l'affetto che ho per le persone.
Quell'affetto che mi fa bene al cuore.
E che mi spinge ad andare avanti.

poi... il
"per sempre e nonostante tutto"
arriverà...

chissà...

:)

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page