11.3.04

" Avventura "

Quando si tratta di fare
cose nuove
in
posti lontani
la mia prima fonte d'ansia
è come arrivare nella località di destinazione.

Generalmente, se devo stare in un posto
all'ora x, normalmente,
ci arrivo quasi mezz'ora prima.

Cerco, sempre e comunque, di prevedere qualsiasi
genere di incidente ( sbaglio strada; mi dimentico
di scendere alla fermata; scendo alla fermata sbagliata; etc ).

La famosa ( o famigerata ) "ansia preventiva"
come diceva ieri la mia amica Prof.

Una volta giunta a destinazione,
perdo tempo in giro
e faccio ( rifaccio ) colazione.

Poi,
arriva l'ansia di dover stare con
persone che non conosci.

E già anche quella
è una altra grossa rottura.

Mi sento molto sotto pressione
in queste occasioni
e la prima cosa che mi capita di fare
è di smettere di parlare,
del tutto.

O di fare
l'opposto.

Ieri, dovevo arrivare a Cesano di Roma.

Mai sentito.
Non sapevo e non so
esattamente nemmeno adesso dove sia,

Ma su internet ho scoperto che le FS ci arrivano e così
ieri mattina ho provveduto anche a fare i biglietti
per andata a ritorno ( 4 euro in tutto).

Salgo sul treno
e innanzitutto il bigliettaio mi confida
che il biglietto da 2 euro è troppo.
La bigliettaia m'ha fregata.
E' sufficiente l'abbonamento ai mezzi che già possedevo.
Bene!
2 euro buttati al vento.


Ma, guardando le fermate successive a San Pietro,
un mondo nuovo si apre ai miei occhi!!!

Innanzitutto, realizzo, dalle fermate che fa
e dal "formato" del treno,
che appartiene, quasi sicuramente,
alla linea delle ferrovie metropolitane.

Ci fermiamo ad

- "Appiano"... sarebbe???
- Balduina
- Monte Mario
- Gemelli
- San Filippo neri
- La storta

ed altre fermate di cui non conoscevo nemmeno l'esistenza...

E poi dicono che Roma non sia servita...

E' l'ignoranza che non serve!!!

^_^

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page