3.11.04

" A cena dalla mia amica "

Venerdì sera, a cena dalla mia amica .

Incredibile.
Antipasto: vari stuzzichini con tanto di aperitivo.
Buono.
Primo.
Pasta con funghi panna, porcini, piselli e salsiccia:
ottima.
Per secondo, una torta salata ripiena
di spinaci e ricotta.
Ottima.

Dolce.
Una torta di cioccolato con la panna
a freddo e noccioline sparse su.
Buonissima.

Ero allibita.

Non mi sorprende la capacità,
perchè la mia amica è gajarda-issima.

Mi sorprende la "voglia".

Anche lei, come me, lavora.
Lei è anche moglie ed assolve ai suoi compiti
come può, aiutata dal marito.

Eppure, a tutto quel ben di Dio preparato,
non si è fermata,
perchè terminato noi,
si è rimessa ai fornelli
per preparare la cena anche al marito.

E vedessi con quanto AMORE lo faceva.

Non lo so.
Io non lo farei per nessuno.
Forse.
O forse sì, ma non sempre.
Non sarebbe, cioè, di certo,
una cosa scontata.
Anzi.

Nella mia famiglia,
non è mai stato così.
I ruoli tra papà e mamma
non erano ne' sono
così definiti.

Non s'e' mai visto
mia madre fare due "paste"
ne' mio padre "fare due secondi".

La regola del:
"questo passa il governo"
imperava.

Esula proprio dalla mia forma mentis,
quel "sacrificio-amore".
O almeno così è per me.

E non mi dispiace affatto essere così.

Boh.

Comunque, felice lei, felice lui...
che centro io???

^_^

Maggie



0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page