19.10.04

" Separazione "

Quando sono venuta a vivere a Roma
è stato un momento importante della mia vita.

Mi separavo, almeno logisticamente,
dai miei genitori e la cosa non è stata
(e nemmeno è completata) indolore.

Tornavo dai miei ogni sabato
e quando ero lì giocavo sempre con il nuovo
cane dei miei genitori: uno Yorkshire nano,
femmina: Dolly.

Abbaiava di gioia al vedermi,
mi mozzicava le mani per giocare,
mi faceva 3000 giri intorno,
la portavo a spasso.

Giocavo con lei da appena arrivata
fino alla mia dipartita, tanto che mio padre
un giorno mi disse:
"mi sorge un dubbio:
vieni per noi o per dolly?"

Dolly è morta domenica.
La mia pulce.
...non c'e' più.

Mio padre l'ha sepolta in giardino,
insieme agli altri cani che abbiamo avuto
e, alla cui morte, abbiamo sofferto tanto.

Il primo è stato Oscar.
Poi Rocco.

Mio padre era affezionatissimo a loro.
Ogni volta decise che non ne avrebbe voluto nessun altro e poi ci ripensava.

Dolly è stata una rivoluzione.
nessun cane era mai entrato dentro casa.
Lei invece stava più dentro che fuori.
Per lei mio padre e mia madre hanno contravvenuto
a regole che per noi e sempre sono state fisse e rigide.

Si parlavano.
Il cane parlava loro.
Capiva tutto.

Mio fratello piuccolo
con lei
aveva un feeling poi speciale.
Bastava uno sguardo di lui
per farla rabbonire.

Ci mancherà, tanto.
A tutti.

La mia pulce...

Gli animali vanno in paradiso.
Ne sono sicura.

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page