30.5.02

E, visto che ieri, non mi hanno pubblicata,
inserisco anche una piccola ode alla Roma...

Il Signore, al momento della creazione...

…E A QUER PUNTO, ER SIGNORE PRESE ATTO
DE AVE’ FATTO ‘NA COSA PORTENTOSA.
COSI’ STANCO, FELICE E SODDISFATTO
SE SDRAIO’, MA CO’ ‘N ARIA PENSIEROSA.

PENSAVA: EPPURE C’E’ QUARCOSA
CHE SO SICURO D’ESSEME SCORDATO
NELLA FRETTA DE FA ‘ST’OPERA GRANDIOSA.

VEDEMO ‘N PO’: LA LUCE JE L’HO DATA,
LE FORESTE NUN MANCHENO DAVERO,
UCCELLI CHE SCENNENO ‘N PICCHIATA
E ACQUA CHE RICOPRE ER MONNO ‘NTERO.

COLL’OMO, POI, SO STATO PROPRIO ‘N DIO:
M’E’ VENUTO CH’E’ ‘NA SCICCHERIA,
MA ER TOCCO DE CLASSE E’ STATO DAJE COMPAGNIA!

MA ALLORA CH’ E’ ‘STO DUBBIO CHE M’HA PRESO?
CH’ E’ ‘STO TARLO CHE ME TRAPENA ER CERVELLO?

PO ESSE CHE CO’ ‘N GIORNO DE RIPOSO
ME LEVO DA LA TESTA ‘STO FARDELLO!

MA ER SONNO, SE SA, PORTA CONSIJO;
SE E’ VERO CHE DOPO QUARCHE ORA
ER SIGNORE SE MISE ‘N PIEDI, SVEJO
CO’ L’OCCHI CHE J’ESCIVENO DE FORA!!!!

ECCO ! CE SO ARIVATO FINARMENTE:
VOJO FA ‘N DONO ALL’OMO E, SO SICURO,
CHE ME SARA’ COSI’ RICONOSCENTE
DA RICAMBIAMME CO’ L’AMORE PURO.

E SENZA PERDE TEMPO PRESE ER SOLE,
ER CORE DELLA LUPA ( CHE E’ MAI DOMA )
LI MISE ‘NSIEME E DISSE ‘STE PAROLE:
GODI, OMO, ECCOTE… LA ROMA!!!


0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page