8.6.04

" Scenate di gelosia "

Ieri verso le 15 sono andata in libreria,
la mia libreria, la Arion di piazza Monte citorio,
nel senso quella dove c'era il "mio commesso".

Dico c'era perchè, scoperto che è il figlio del padrone,
ho capito anche perchè "c'e' e non c'e'".
Gira da sede a sede.
Le librerie Arion a Roma sono parecchie e lui se
le gira tutte, a quanto pare.

Ieri, da lontano, lo vedo ed impreco.
Sapere che c'e' mi mette in imbarazzo e
poi mi sento sempre brutta e mi vergogno a farmi
vedere da lui, sempre bello come il sole!!!
E non voglio che pensi che vado lì per lui,
ma perchè il servizio è ottimo.

Entro e lo saluto.
Lui è alla cassa e quindi non mi guarda nemmeno,
ma sente la mia voce e mi dice subito "Ciao margherì, come stai?"
e distrattamente gli dico che vado da Walter,
l'altro commesso, molto simpatico e bravo che lavora lì
sempre e con cui ormai discorro tranquillamente di tutto.

Walter non mi piace e questo, si sa,
mi facilita enormenete i rapporti.

Come dico al commesso che vado da Walter
non mi fa una mezza scenata di gelosia?
"Ah, prima venivi sempre da me adesso invece vai da lui...
e di qua e di la..."

0_0'

Io ero incredula alle mie orecchie.
e infatti alzando le braccia al cielo ho esclamato:
"non faccio commenti "...

ma la commessa mi ha guardata facendo una smorfia
come per dire "ahi ahi ahi: siamo alle scenate di gelosia!!!???"

e mentre io parlavo Il commesso diceva
"scherzo...scherzo...stoscherzando..."

Certo che scherza, lo so bene.

Non posso pero' non ricordare il racconto
che gli ho dedicato e poi consegnato
in cui "sognavo"
IL nostro primo incontro...

:))))))

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page