12.10.14

Finito

Ho appena finito la tesi.
mi sento assolutamente neutra.
nè felice, nè triste.
tanto so che non è finita.

Prima la voglio mandare alla prof...così la legge e corregge.

Nel frattempo che la corregge, devo stamparla, leggerla, fare le mie correzioni.
poi, quando la prof mi manda le correzioni devo fare le sue correzioni, sperando non si accavallino alle mie... =___="

Devo far passare un po' di tempo, perchè è come se la sapessi a memoria...mi si intreccia tutto quello che ho letto, con tutto quello che ho scritto.

Ho paura, ma sono stanchissima.

Inoltre, per correggere due capitoli ci sta mettendo un sacco e non so se è perchè fa cagare o se perchè ha da fare di suo.

Io la consegno, a prescindere... a costo di farmi dare zero punti.

Tra non molto ospiteremo un convegno proprio sulla psicologia dello sport e voglio vedere se il tipo mi dice cose che non so.. :)))))

Mi sento come se la mia vita non avesse più un senso.
Tra la perdita di Shaky e il termine di questa cazzo di laurea si è aperto un vuoto nella mia vita di considerevoli dimensioni.

L'altra sera, Azzecca mi ha domandato di nuovo se ho giocato a tennis.
Poi mi ha chiesto se io mi diverto a giocare a tennis.

Ovviamente no.
Ma perchè, prima di scrivere questa cazzo di tesi, ero convinta che non si potesse divertirsi, giocando a tennis. Che è praticamente un ossimoro: giocare e non divertirsi????

Poi non so come o quando ho capito perchè me lo domanda sempre.

Perchè nella mia vita non c'è nulla di divertente.

Prima mi divertivo a stare con Shaky.
Prima anche il lavoro era un divertimento.
Il tennis non è mai stato un divertimento.
La piscina non mi diverte.

Stefano c'è talmente poso che ...ridiamo pochissimo... insieme...

Insomma... la tesi è finita.
Mi sembra scritta malissimo.
Mi dispiace un po' per la prof...

e poi devo eliminare questo pensiero che mi gira in testa per cui giocare a tennis applicando continue routines sia sbagliato.
non solo è giusto, ma è l'unico modo per giocare a tennis davvero!

e poi sto pensando ad un sacco di cose.
che devo fare il tirocinio.
che devo fare l'esame di Stato.
Che poi inizio subito a fare la psicologa dello sport, magari chiamando qualcuno o andando "al Colle"...

Non a caso la laurea è uno dei maggiori disturbi dell'adattamento... crea sempre destabilizzazione e ricerca di nuovi equilibri...

Mi sono rotta il cazzo di un sacco di cose...

Fico no?
=___="

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page