16.12.03

" Presentare un libro "

Ingiusto, eppure funziona.
Ieri sera sono stata alla presentazione di un libro di un tipo mai sentito.

Si teneva in un piccolo teatro, zona Flaminio
( credo si chiamasse il Teatro del Politecnico ) ,
il palco sarà stato di 4 metri per 2.

Posti a sedere? 100? o poco più.
Siamo arrivati alle 21:30, puntuali, ed era già pieno.

Ingresso libero.

Abbiamo trovato un bellissimo posto in piedi esattamente
al centro della sala per cui avevamo piena vista della "scena".

Arriviamo e la lettura dei brani tratti dal libro era già iniziata.

Il lettore è piuttosto basso e pelato
( dovrò trovare, prima o poi,
un sinonimo di pelato, per non effendere nessuno,
ma qui la questio è sempre la stessa:
esattamente come i netturbini adesso si
chiamano operatori di non so che,
i pelati li puoi chiamare come ti pare:
sempre senza capelli sono...o no?senza offesa ovvio!!! ),
ma aveva letto bene il racconto e quindi ne aveva colto
lo spirito e gli aspetti comici.

Aiutato, peraltro,
da effetti sonori e/o scenici,
a volte anche del tutto fuori dalla logica del racconto...
ed a sorpresa del lettore stesso...

In pratica, sebbene si trattasse di una lettura banale,
alla fine la presentazione del libro si è trasformata in una
vera e propria rappresentazione teatrale gratuita.

Divertente e a tratti anche ironica.

Sembra che, oltre la gratuità,
vero specchietto delle allodole della presentazione
fosse la lettura di brani da parte di un attore italiano che sebbene non famosissimo
è, soprattutto a Roma, molto apprezzato per la sua naturalezza:
Valerio Mastrandrea, chiamato a leggere brani in romanesco.

E, ad uno come lui, je fai 'n favore de niente!!!

E così tra questo ragazzo senzacapelli
e Mastrandrea la serata è scivolata via facile.

Credo che a volte sia stato più comico lo sguardo di intesa
che i due lettori si lanciavano in merito alle letture,
che il brano stesso.

Era evidente il legame tra loro, come evidente era l'affiatamento
tra loro e l'autore.
Non era un lavoro per nessuno...
ed infatti tutti hanno colto quella serenità.

Il libro credo abbia venduto.

Bravi i due lettori.
Indubbiamente.

Ultimo brano letto, intitolato:
"Il matrimonio del principe Emanuele Filiberto "
(pausa)
(pausa)
lettore :

" esticazzi!!! "

(pausa)
(pausa)
fine.


:DDDDDDD


Alle 23 ero a casa.

Che vuoi di più dalla vita?

Grazie D.!

Maggie
nb: chi conosce un attore famosetto disposto a leggere i brani tratti dal libro che io scriverò?
sai com'e'? uno intanto si avvantaggia.... :DDDDDDD

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page