27.4.04

" Incubi "

Tutta la notte, stanotte, a "sognare"
me, oggi, Porta Portese
e che sbagliavo a prendere
i numeri degli appartamenti,
e che mi distraevo.
E mi dispiaceva distrarmi.E tornavo al avoro.
Porta portese-lavoro.

pensa quanto questa cosa mi sta pesando.
Solo da ieri me ne sono resa conto, un po'.

Mi sento prigioiera di me stessa
in casa mia.

Credo che anche loro sentano questo mio bisogno di solitudine.

Ieri sera, un improvviso e fortissimo impulso di partire .
Di andare via.
per una vacanza da sola.
Di salire su una bellissima barca a vela
e di non scendere finchè non torno a casa.

M'e' venuto un magone alla bocca dello stomaco.

Mi sento dura.

No cattiva.
Dura.

Non sento nessun sentimento,
verso nessuno.
Forse solo verso i miei genitori ,
in questo momento.

NOn lo so cosa mi prende.

Vorrei essere prigioniera della solitudine.

Vorrei poter pensare di andare in vacanza e di
non fare niente che non voglia davvero.
Impossibile.

Sogno il contatto con la natura, forte e possente.
perchè solo così potrei risentiore le mie dimensioni.

In questo momento,
sento solo che voglio stare da sola
e che mi sento il cuore duro.

Che vorrei incxazzarmi. Tanto.
Vorrei poter gridare tutta la rabbia che ho dentro.
Vorrei poter gridare.
Punto.

Sono arrabbiata anche con me stessa,
perchè non voglio pensare a quello che sento ed al perchè lo sento.
A cosa sento.

Ieri pomeriggio, tornando a casa,
non ho messo le cuffie della radio, mentre camminavo.
Ho pensato un po'.
Poi, sono salita sull'autobus ed ho iniziato a leggere.
Capisci?

Non voglio pensare.

Mangiare, fare altro.
Tutto.
Pur di non pensare.

Boh!

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page